CONAF - Consiglio Ordine Nazionale Dottori Agronomi e Dottori Forestali
  • CONAF - Consiglio Nazionale
  • Organi Consultivi CONAF
  • Professione
  • Segreteria CONAF
  • Servizi agli Iscritti
  • Centro studi
  • Alta formazione
  • Comunicazione CONAF
  • Area Internazionale

Accolta la proposta di agronomi e forestali: alle aziende agricole anticipazioni dei premi PAC al 70% e semplificazioni per i pagamenti dei PSR

Le anticipazioni della PAC pagamenti diretti saranno erogate al 70% del valore dei titoli della domanda dell’anno 2019, previo impegno alla presentazione della domanda di pagamento da parte dell’azienda agricola. Le anticipazioni dei PSR saranno erogate prevedendo il rinvio dell’esecuzione di controlli previsti al momento della erogazione del saldo.
É stato, infatti, approvato in Senato il maxiemendamento del Governo contenente gli emendamenti dei senatori Taricco, Faraone, Abate sull’art 78 del DL Cura Italia che consente di garantire importante liquidità alle aziende agricole in questo momento di grande difficoltà e che ne semplifica le procedure di erogazione.
Si tratta di una proposta che i dottori agronomi e i dottori forestali avevano avanzato nei giorni scorsi al Ministro delle Politiche Agricole.

Ringraziamo il Ministro Teresa Bellanova, il Sottosegretario L’Abbate, i presidenti delle Commissioni Agricoltura delle due camere, Filippo Gallinella e Gianpaolo Vallardi, nonché i senatori proponenti, tutti impegnati per arrivare a un’importante misura a sostegno degli imprenditori agricoli, auspicando che nel decreto ministeriale in cui saranno adottate ulteriori prassi di attuazione delle anticipazioni, possano essere prese in considerazione le modalità innovative proposte dai dottori agronomi e forestali quali la certificazione ex ante delle colture, anche attraverso l’uso del drone, sottoscritta da un professionista abilitato iscritto all’albo, che si assume la responsabilità di certificare la qualità dell’utilizzo del terreno e la relativa superficie.

Il CONAF, nella speranza che questo momento di crisi possa essere di stimolo per una riorganizzazione digitale della professione, ribadisce la necessità dell’istituzione di un fondo per lo sviluppo professionale sostenibile che consenta di ottenere incentivi per strumenti per il controllo da remoto delle colture, per l’ottimizzazione delle certificazioni e dei processi produttivi e per una migliore e più diffusa condivisione dei dati.

Roma, 14 aprile 2020